Yalp a parole mie: Angelica racconta di… Valentina

Bentornati a tutti! Sono di nuovo io, Angelica! È passato ormai un mese da quando sono in Yalp e tra packaging, grafiche e molti consigli ricevuti, questo tempo è letteralmente volato. Ho l’impressione di essere entrata ieri per la prima volta, quando mentre aspettavo alla porta d’ingresso è arrivata Valentina ad accogliermi.

VALENTINA

Valentina è la prima persona con cui ho avuto contatti in Yalp e si è subito dimostrata gentile e disponibile: rispondeva alle mie mail, chiariva i miei dubbi e mi chiamava per assicurarsi che andasse bene il periodo stabilito a causa dei rimandi dovuti alla quarantena.

È arrivata in Yalp per caso: una sera ha notato un annuncio da parte dell’agenzia e, senza pensarci troppo, ha inviato il suo curriculum. Pochi giorni dopo era già al primo colloquio e successivamente sulla sua attuale scrivania.

Rivela che l’ambiente e l’atmosfera l’hanno subito colpita perché ogni giorno assomigliava sempre al primo: la mattina si è felici di rivedersi, c’è dialogo, rispetto e confronto. Cosa che le permette di essere sé stessa e di stare bene.

Deve ammettere anche che lavorare in Yalp le ha permesso di superare una sua grande paura: era terrorizzata dai cani.
Dovete sapere che Stefano porta spesso il suo Husky bianco, Zeus, a farci visita. Valentina lo ha visto la prima volta il suo primo giorno di lavoro e ne era spaventata, non poteva stare in una stanza da sola con lui e non poteva percorrere il corridoio se Zeus era disteso sul pavimento. Piano piano però si sono conosciuti e ora convivono in armonia.

In Yalp Valentina si occupa della parte amministrativa ed economica: è laureata in consulenza aziendale ed ha una grande attrazione per i numeri. Per lei infatti i numeri comunicano quanto le parole: vanno interpretati e ciò stimola la sua creatività.

Anche se il suo percorso lavorativo riguarda l’ambito amministrativo, il suo sogno da bambina era quello di diventare una cantante. Anche oggi la musica rimane un riferimento fisso e l’aiuta ad affrontare le giornate con lo spirito giusto. La mattina si carica con i Gipsy Kings e con Ferruccio Tavaglini in Voglio vivere così.

All’opposto di Michele, la sua è un’anima nazional-popolare: ascolta Vasco, Venditti ed è stata ai concerti di Cremonini, Ligabue e molti altri cantautori italiani.
Conosce tutti i dettagli delle varie edizioni di Sanremo, anche se ammette che quest’anno ha trasgredito la sua anima tradizionale tifando Achille Lauro.

Da bambina Valentina era molto sorridente, curiosa e vivace e ora che è mamma di tre bambini, cerca di trasmettere loro la stessa positività, allegria e solarità e di insegnargli che il bello richiede responsabilità e fatica.

Di Valentina mi ha colpito molto la sua profondità: mi piace la sua attenzione per i piccoli gesti e per le parole. Come me, ama leggere i testi delle canzoni e rimanere colpita dalla loro capacità di descrivere in un modo apparentemente semplice un sentimento o una sensazione così difficile da spiegare.

Tiene molto all’amicizia e crede nella capacità e nell’importanza delle piccole cose: una chiamata, un grazie.
Seppur un gesto apparente piccolo, il fatto di aver trovato un suo messaggio su Whatsapp dopo che ci eravamo salutate, mi ha fatto molto piacere e credo dia valore e significato alla relazione.

Segno zodiacale: pesci (come i pesci ha la necessità di sguazzare tra un’attività e l’altra)

Espressione tipica in ufficio: è ora di fatturare

Se fosse un colore: verde perché ama la natura

Yalp l’ho vista nascere e mi diverte ricordarne il compleanno ai miei colleghi! Anch’io sono cresciuta con lei, imparando a comunicare in modo efficace dando spazio alla mia creatività.

É un ambiente ricco di stimoli, dove i confronti non sono mai scontri, ma occasioni di dialogo con l’obiettivo di trovare la soluzione migliore. 

I valori che riconosco sono quelli della fiducia reciproca, affidabilità e libertà.

Amo Yalp perché ognuno è messo nelle condizioni di dare il meglio di sé!

Sono orgogliosa e mi ritengo molto fortunata di farne parte e averla potuta arricchire a mia volta con la mia presenza. 

Sembra banale scriverlo, ma …siamo speciali davvero! Provare per credere 🙂