Introduzione al Growth Driven Design

Che il processo tradizionale di web design sia diventato completamente sbagliato non è una novità. In primo luogo, l’intero mondo della comunicazione digitale si è radicalmente evoluto: i parametri che misurano il successo sul web ora sono strettamente legati al marketing, ai lead generati e alle vendite, senza dimenticare l’importanza della user experience.

In più, le aziende hanno capito che impiegare risorse, sia finanziarie che umane, in progetti lunghi mesi e dall’esito incerto, non è sostenibile. Per non parlare delle ansie e della frustrazione che colgono un imprenditore quando sente la parola redesign del sito web: come essere certi del proprio investimento quando, dopo mesi di lavoro, il sito viene lanciato e subito abbandonato a se stesso nell’oceano infinito del web?

La risposta è il Growth Driven Design.

Growth Driven Design (GDD): Cos’è?

 

Il Growth Driven Design è una rivoluzione del web design perché riduce al minimo i rischi legati alla progettazione web tradizionale; è un approccio fatto di step evolutivi, che si focalizza su tre punti chiave: strategia, launch pad e miglioramento continuo.

Nel miglioramento continuo risiede la vera rivoluzione del GDD: parlando di processi reiterati nel tempo, diversamente dalla progettazione web tradizionale che tende a ridursi a un unico, mastodontico evento. Il Growth Driven Design infatti, invece che progettare in una sola volta tutta la soluzione, si concentra su step evolutivi e sul raggiungimento di obiettivi a breve termine.

Il GDD sostanzialmente spacchetta la progettazione in micro-fasi, e programma una serie di versioni progressive del sito sulla base di test e ottimizzazioni, che si basano a loro volta sull’analisi del comportamento degli utenti. Il Growth Driven Design inoltre fa coincidere la struttura stessa del sito con il persorso decisionale dell’utente, integrandosi quindi alla perfezione con marketing e vendite, al fine di raggiungere traguardi concreti e condivisi.

Il modello, in questo modo, diventa estremamente flessibile, e le aziende riescono ad allineare i propri piani d’azione aziendali alle esigenze o agli ostacoli che si trovano ad affrontare.

Vantaggi rispetto al web design tradizionale

 

L’approccio Growth Driven cerca innanzitutto di ridurre i rischi del metodo tradizionale, dati dalla lentezza dei processi, la scarsa flessibilità e l’inevitabile superamento del budget. In più, sviluppare un nuovo design sulla base dei “gusti personali” dell’azienda o dell’agenzia non offre alcuna garanzia sull’effettiva riuscita del progetto, per cui al momento del nuovo lancio l’azienda potrebbe trovarsi nelle mani un sito poco funzionale, se non addirittura obsoleto.

Il Growth Driven Design, invece:
– abbrevia i tempi di lancio;
– apporta continui e costanti miglioramenti che portano ad incrementi delle performance;
– è strettamente integrato con marketing e vendite;
– costa meno, perché abbatte il costo di partenza importante del design tradizionale;
– è agile, flessibile e user-centered.

Come funziona il Growth Driven Design

 

Fase 1: Strategia
In una prima fase si studia il proprio pubblico, sviluppando una conoscenza empatica del suo mondo e di come il sito web può aiutarlo a risolvere un problema.

Fase 2: Launch Pad
A differenza del design tradizionale, si costruisce un sito web che non è il prodotto finito, ma già in grado di performare ed accumulare dati. Il Launch Pad è la base su cui costruire ed ottimizzare.

Fase 3: Miglioramento Continuo
Dopo il lancio, si comincia ad identificare le azioni a più alto impatto da compiere affinché si possa far crescere il proprio business, e si procede implementando e testando con continuità.

Conclusioni

 

Fino a qualche anno fa si diceva che il sito web era la vetrina di un’azienda, o il suo biglietto da visita. Oggi queste affermazioni sono riduttive: il tuo sito è prima di tutto il tuo commerciale numero uno, che non può permettersi di generare risultati scarsi o peggio non misurabili. In un panorama in continua trasformazione e cambiamento, il Growth Driven Design è l’approccio in grado di soddisfare specifici bisogni e necessità dell’utente.